Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Dieci Dicembre, by George Saunders

Non c’è cosa più brutta delle generalizzazioni, ma noto spesso che gli scrittori americani contemporanei pubblicati dalla Minimum Fax condividono spesso un difetto endemico: nonostante l’indubbia abilità con la scrittura, finiscono sempre per porre maggiore accento sulla capziosità, sull’originalità del punto di vista (i due elementi trovano il loro zenith nel racconto Le sorelle Sempica, che sarà postmoderno quello che volete voi, ma io un intero racconto lungo tutto scritto senza articoli e limitando al massimo i connettivi per imitare la scrittura veloce del diario e dell’appunto personale sotto forma di promemoria – ecc quello no, non ci sto e non mi convincerete che è arte scrivere così). Il rischio, alla fine centrato spesso, è di smarrirsi alle spalle l’emozione. Forse non è un caso che uno dei racconti che ho preferito, Casa, è anche quello stilisticamente più tradizionale.

Non ho nulla contro la sperimentazione (ho ADORATO il libro della Egan) a patto che essa non si mangi tutto il resto, rischiando di essere l’unica lampadina dell’opera.

Poi, rileggendo il blurb sulla fascetta e gli osanna di alcuni colleghi scrittori (che io per primo rispetto e amo) riportati sul retro di copertina, mi chiedo se abbiamo letto lo stesso libro. Specie davanti a quella sparata, del NY Times: “Il miglior libro che leggerete quest’anno”.
Caro NY Times, meno male che hai torto stavolta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: