Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Low Winter Sun e lo spettatore più detective dei detective

La AMC è sempre generosa e colma di buona cose. Quest’anno ci ha regalato quest’altra serie che pare proprio un bel colpaccio: atmosfere plumbee e cupe, polizia, rimorsi, omicidi, labile confine tra legalità e illegalità, corruzione. Una bel po’ di roba.

Ma non voglio parlare di Low Winter Sun come serie. Mi interessa qui solo tangenzialmente per un evento che apre il pilot, l’omicidio di un collega corrotto da parte di due poliziotti non proprio lindi. Come lo uccidono? Affogandolo nella vasca di un ristorante. Poi, per simulare un suicidio, lo mettono in macchina e la fanno cadere nel fiume. Avendo anche l’attenzione di ammanettarlo allo sterzo: spesso lo fanno i suicidi, dice uno dei due, dimostrando conoscenze derivate da anni sul campo, per non essere “traviati” da ripensamenti.

Quindi una simulazione perfetta al millimetro.

Invece no.

Perché i nostri due detective dimenticano una cosa semplicissima: quando andranno a fare l’autopsia del cadavere, noteranno che l’acqua nei suoi polmoni non è quella del fiume ma di una vasca qualsiasi. Come infatti succede nel secondo episodio.

Il punto della situazione è che già mentre guardavo il pilot avevo notato questa cosa e, sebbene rispetti molto gli autori di Low Winter Sun, questa m’è sembrata un po’ una svista. Due detective così accorti e consci del mestiere che fanno un tale errore? Un errore che ho notato anche io, semplice spettatore di serial? Forse spiegheranno in qualche modo questa gaffe.

Ora però mi interessa un altro aspetto: com’è che io sapevo questa cosa? Da altri serial. Un episodio di X Files, per la precisione. Ventiduesimo episodio della prima stagione, Born Again, dove un detective corrotto ucciso dai suoi colleghi (l’eterno ritorno!) si incarnava in una bambina che aveva continua visioni della sua (di lui) morte. Il poliziotto era stato affogato in un acquario e gettato in mare (o in un lago non ricordo di preciso) e parte della risoluzione del caso dipendeva proprio dalle analisi dell’acqua nei suoi polmoni.

Curioso no? Curioso che noi spettatori di serial – e di serial di investigazione in particolare – possiamo quasi essere promossi detective sul campo (si fa per dire), abbiamo acquisito delle straordinarie conoscenze che magari non ci permettono di risolvere un caso, ma di notare le falle – se ci sono – nel realismo della messinscena di un caso all’interno della narrativa (seriale o cinematografica). Magari non servono a molto queste abilità, ma vogliamo mettere la soddisfazione di cogliere in castagna due detective televisivi, peraltro in un serial che a tre episodi (il quarto devo ancora guardarlo) sembra fatto proprio come Dio comanda (eccezion fatta per questa falla di cui si discute qui).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: