Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

FM 35.00: classificone musicale 2011

                           

Album che arrivano proprio sotto classifica ma non entrano per uno sputo:  due esordi che portano il nome dei loro autori. Le sonorità elettro-pop che fanno molto 80s dei New Look e James Blake di cui potrei citare qui Unluck, Wilhelms Scream, ma soprattutto la cover da Feist di Limit to your love, uno dei pezzi di quest’anno, una roba che l’ho ascoltata fino allo sfinimento.

Ebbene sì, anch’io quest’anno mi sono unito al coro dei classificatori di mosica, sebbene sia ancora lontanissimo da averne una conoscenza, se non completa che è impossibile fore, almeno più piena. E infatti anche in questa classifica potrebbero mancare album che avrei voluto ascoltare ma me ne è mancato il tempo (Ema, Goapele, Richmond Fontaine, The Drums, The Rapture, The War on Drugs, Veronica Falls, Wilco, li avrò ascoltati massimo una volta, alcuni neanche per intero) e album che ho ascoltato ma non abbastanza e che secondo me se gli davo un altro po’ di tempo forse spuntavano anche qua (New Look, Summer Camp, Verdena).

Ho scelto l’ordine alfabetico così non mi scervellavo per le posizioni, ma volendo essere un po’ più specifici la palma d’oro all’album di P.J. Harvey non gliela toglie nessuno. E nel settore italiano il disco-mondo mediterraneo-oceanico di Capossela è una cosa che m’ha mandato in visibilio.

Colonna sonora dell’anno (la condivido col primo posto del classificone cinefilo): Drive.

Non entrano in classifica come album ma alcune canzoni mi hanno accompagnato comunque: Holocene e Calgary di Bon Iver che va citato anche per la sua collaborazione a un pezzo dell’ep di James Blake, In un soffio di Cristina Donà (sul tubo ho trovato solo la versione unplugged), Wes Anderson dei Cani, Loniterp, Miglioramento, Razzi arpia inferno e fiamme, Tu e Me, Rossella Roll Over dei Verdena (eh l’ho detto che se l’ascoltavo un altro po’ entrava in classifica), The Chainsaw Sea uno dei capitoli del romanzo musicale dei Richmond Fontaine (che se riesco ad ascoltarlo un po’ di più secondo me diventa un compagno fedelissimo), Otis di Jay-Z & Kanye West, Lotus Flower dei Radiohead (altro disco che ho ascoltato troppo poco), You Knows No Pain e Get Some di Lykke Li (altro calderone pop che sto continuando ad ascoltare in questi giorni e che quasi quasi avrei infilato in classifica se l’avessi avuto sotto mano un po’ di più).

Mi pare ci sia tutto. Anzi, balla. Mi pare che manchi un sacco di roba. Anche se non so cosa. Quindi stop. In fondo fare classifiche è un divertissement che non va preso troppo sul serio.

Annunci

Una risposta a “FM 35.00: classificone musicale 2011

  1. Vlao 14 gennaio 2012 alle 20:56

    Eccheccavolo… troppo facile! 16 nomination senza nemmeno un ordine!

    Sono giorni che sto elaborando la mia personale top 10! Mmmm… quasi quasi faccio come te… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: