Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Recensioni episodiche. Terza parte

30 rock (S04, NBC).


Lo so, in ritardissimo, ma due parole – giusto due – non potevo farmele scappare. 30 rock è una pura macchina di divertimento, divertita e intelligente, con un’autrice alle spalle che genio è dire poco. Tina Fey non accusa affatto il peso delle stagioni e ci delizia coi coi colleghi sceneggiatori e attori di una ventina di pillole ironiche che semplicemente fanno bene alla salute. Senza contare Tracy Morgan e soprattutto il Jack Donaghy di Alec Baldwin, che al suo quarto anno, si conferma – oso – come il personaggio meglio riuscito del suo interprete: brillante parodia dell’imprenditore-repubblicano di ferro, che conserva però umanità e individualismo.
(Il cammeo finale di un semi irriconoscibile Matt Damon è semplicemente geniale).

Party Down (S02, Starz).


Volevo scrivere una cosa del genere che Party down è più robusto quest’anno, i personaggi hanno più coerenza e spessore, e via dunque quel senso di ripetitività stantia e di quella comicità insistente e un po’ troppo cazzona. L’ispessimento psicologico dei tipi va in effetti un po’ a danno della risata più crassa e bastarda, anche se non mancano i fuochi d’artificio, sempre che il serial non si faccia prendere un po’ troppo la mano con la fantozziana risoluzione di ogni party organizzato dai nostri.
Bla bla. Inutile. Eh sì, perché ho appena scoperto che la serie è stata cancellata il 30 giugno! Continuiamo così, cari USA, lasciamoci sfuggire delle belle cose…

Better Off Ted (S02, ABC).


Capite perché mi sono incazzato tanto a leggere di Party Down? Eh sì, i più informati di voi già lo sanno. Perché già è difficile digerire che Veronica Palmer non sbucherà più dai nostri schermi e così l’intero cast di Better off Ted, figuriamoci scriverne dopo che hai scoperto che han cassato pure Party Down! Ma come si fa a eliminare un gioiellino del genere? Una sit-com single-camera che era un piacere per le orecchie, con una Portia De Rossi da ribaltarsi letteralmente dal ridere e due amici scienziati sfigatissimi, uno bianco uno nero, costretti a inventare delle cose di cui non avremmo voluto sapere nulla. Grazie ABC.

The Tudors (S04, Showtime).


Si conclude dunque il poema moderno della Showtime sulle gesta di Enrico VIII. Nel migliore dei modi. Via la ripetitività della terza stagione e largo invece a una riflessione sulla morte e l’autunno del re. Senza troppe cupezze. Si riserva il feuilleton (e il sangue) per la prima parte, ma procede poi verso un secondo tronco intimo e commovente.
Il serial intelligentemente non termina con la morte del sovrano – che non ci viene mostrata, e sarebbe stato banale – ma chiude, con uno dei suoi anacronismi geniali, con Enrico, ormai vecchio e avviato alla fine, che ammira per la prima volta il suo ritratto appena finito da Holbein. L’ultima inquadratura è per il quadro, cui segue un fermo immagine. Un ultimo gioco di specchi da parte degli autori il serial ci consegna l’immagine (un’immagine) del sovrano, la sua rilettura da parte di un altro, una rilettura che può essere idealistica ma contiene in sé lo spirito del sovrano (e della Storia).

Annunci

7 risposte a “Recensioni episodiche. Terza parte

  1. weltall 22 luglio 2010 alle 9:57

    L' ABC non è nuova a cose di questo tipo!

    Io, ad esempio, non ho ancora digerito la chiusura di Pushing Daisies…

  2. NoodlesD 22 luglio 2010 alle 11:08

    hai ragione! La soppressione di Pushing daisies grida ancora vendetta. Che poi io davvero non capisco, come Better off ted parliamo di serial divertentissimi e carinissimi. mah.

  3. utente anonimo 25 luglio 2010 alle 14:34

    Auguri :)Adele

  4. latendarossa 28 luglio 2010 alle 22:22

    Mi incuriosisce Tina Fey me ne parlano tutti bene (te compreso) sento che potrebbe piacermi e pure molto.

  5. utente anonimo 29 luglio 2010 alle 10:48

    scusami eh,ma party downnon si lascia proprio vederedirei una trancaturapiù che meritata

  6. NoodlesD 29 luglio 2010 alle 12:30

    tenda, dai un'occhiata a 30 rock. non te ne pentirai (ah, in originale, eh. non oso pensare cosa sia tracy morgan doppiato).anonimo, de gustibus…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: