Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Il segreto dei suoi occhi (El Secreto de Sus Ojos, Juan José Campanella)

Campanella aveva tutte le carte per prendermi a livello profondo, per sconvolgermi e commuovermi totalmente, se non fosse stato per un primo tempo in cui il film si attarda troppo su alcuni particolari. Manovra non necessaria soprattutto perché l’atmosfera della vicenda è subito chiara, l’intreccio di piani temporali e temi come rievocazione, nostalgia, senso di colpa e giustizia srotolano il tappeto morale e sentimentale della pellicola. Per questo il secondo tempo funziona meglio, perché è il momento in cui tutti i fili convergono e si sovrappongono, quando vicenda giudiziaria (un caso d’omicidio irrisolto di venticinque anni prima) e vicenda personale dell’investigatore si legano letteralmente e tematicamente.
Qui sta il fascino del film, la sua capacità di raccontare un pezzo di storia argentina – di cui non ho afferrato tutto ma dipende semplicemente dalla mia quasi totale ignoranza sugli eventi del Paese – attraverso la cronaca nera puntando però, al di là dell’aspetto thriller, a tutt’altra sponda: un confronto tra diversi atteggiamenti verso l’amore, nell’apparente similitudine della fedeltà a una donna irraggiungibile (perché morta o sposata a un altro), come nell’applicazione indefessa a un caso ormai chiuso (ma non risolto) in cui dialogano due ossessioni differenziate dai risultati finali, dalla scelta di portarle alle loro conseguenze estreme o moderate, dalla scelta di restare bloccati nel passato scontando la pena del dolore sino alla fine o elaborare quel passato e le ferite e i rimorsi di cui è gravido per iniziare finalmente a fare un passo nel presente e quindi nel futuro.

p.s. Resta che, per quanto affascinante, Il segreto dei suoi occhi non arriva ai livelli de Il nastro bianco e ancora meno a Il profeta, che meritava la statuetta senza dubbio.

Annunci

3 risposte a “Il segreto dei suoi occhi (El Secreto de Sus Ojos, Juan José Campanella)

  1. latendarossa 25 giugno 2010 alle 15:20

    Noo ma io questo film voglio anzi devo andare a vederlooo 🙂

  2. NoodlesD 25 giugno 2010 alle 16:43

    secondo me ti garba un sacco!

  3. theprincessissy 21 luglio 2010 alle 20:36

    Ame è piaciuto molto… soprattutto la sovrapposizione tra le storie d'amore e l'enigma poliziesco. Anche il personaggio principale femminile non è niente male, mi ha subito fatto simpatia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: