Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Hanno tutti ragione (Paolo Sorrentino, 2010)

Andrebbe letto ad alta voce, per apprezzarlo a pieno. Hanno tutti ragione è il monologo fluente di Tony Pagoda, alias Tony P., parente stretto, gemello di Tony Pisapia. Una sintassi ricalcata magistralmente sul napoletano imbottita però con un lessico barocco, simbolo di un’Italia (degli anni Ottanta) svelata senza pietà nella sua mostruosa vacuità, anticipatoria di un quadro che oggi trova il suo compimento.
In questa bolgia infernale si insinua la voce di Tony, cantante di night e d’amore preconfenzionato, in ritiro in Brasile, che con una predilezione per l’ironia di marca mediterranea dal tipico affondo partenopeo ci stende pagina dopo pagina con la sua filosofia, il suo sguardo rilassato e scanzonato, l’abilità straordinaria nello stimolare l’immaginazione del lettore trascinandolo in una fiera dell’italian grotesque che dietro l’aberrante e deformata rappresentazione cela in realtà una pulsante umanità.
Sorrentino si conferma, anche in letteratura, un vero cavallo di razza del racconto, convertendo nella parola scritta l’occhio deformante del suo obiettivo.

Qui alcuni estratti dal libro.

Annunci

2 risposte a “Hanno tutti ragione (Paolo Sorrentino, 2010)

  1. steutd 8 aprile 2010 alle 9:26

    davvero? io di solito diffido di chi fa il salto dell'arte, da cantante si inventa scrittore, da cantante attore, ecc… lo comprerò

  2. utente anonimo 14 aprile 2010 alle 14:46

    io a alberto ratto me lo voglio sposaretoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: