Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Alice in Wonderland (id., Tim Burton, 2010)

Ma ci fosse davvero un complotto in atto? Cosa succede in questi mesi ai grandi autori che sembrano fare passi indietro anziché in avanti: Jackson, Eastwood, Reitman… cui ora si aggiunge Burton? E ho timori anche per Scorsese. Alice in Wonderland non è certo un film da buttare, garantisce i suoi momenti di divertimento, ma pure non possiede quell’aura magica che è propria del cinema burtoniano. Nessuno come lui sembrava adatto a raccontare l’universo di Carrol e come spesso accade gli incontri più attesi sono anche quelli destinati alle più cocenti delusioni.
Nel caso di Alice le mie aspettative erano già state ampiamente frenate da varie recensioni (italiane e d’oltreoceano), per cui posso dire che in definitiva ciò che ho visto in sala è stato più o meno ciò che mi aspettavo. Un film fondamentalmente bidimensionale il cui (presunto) valore aggiunto del 3D è posticcio con la sola risultante di obbligarti a tenere per due ore dei fastidiosi occhiali sul naso. Ché in 2D secondo me Alice ne guadagnava un sacco. Un’opera dunque minore, affascinante in certi punti, ma decisamente scollata: l’intreccio avanza in modo abbastanza prevedibile e scontato (specie per uno come Burton) come giustapposizione di scene “topiche” senza un vero legame forte. I personaggi, anche simpatici, restano figurine non molto sbozzate, cui neanche la maestria di Depp può donare più anima (il Cappellaio è l’interpretazione meno riuscita del suo sodalizio con Burton e il personaggio intero non ha una vera e propria funzione narrativa); la pur bravissima (la migliore) Helena Bonham-Carter è una spettacolare Regina Rossa nella prima parte, ma poi deve arrendersi anche lei a uno script che non le lascia evoluzione. Dopo una battaglia finale invero assai mal gestita, curiosamente il film trova una chiosa affascinante, forse un po’ troppo sognatrice e idealistica, ma che – insieme – all’incipit sembra quella più riuscita. Alice funziona più tra le ipocrisie dell’Inghilterra ottocentesca che nelle follie dell’underworld. Con una sola eccezione, che si chiama Stregatto. Ed è l’unico vero problema creatomi del film: che io ora ne voglio uno! Sto già pensando di trasformare il mio semi-siamese in uno stregatto partenopeo.

Annunci

12 risposte a “Alice in Wonderland (id., Tim Burton, 2010)

  1. souffle 9 marzo 2010 alle 6:51

    mi viene sempre meno voglia di vederlo…
    Lo stregatto partenopeo sarebbe stupendo!!
    Buona giornata.

  2. iosif 9 marzo 2010 alle 12:59

    scorsese e burton volevo vederli, ma m'hanno (m'avete) fatto passare la voglia.

  3. ipitagorici 9 marzo 2010 alle 13:36

    Andrò comunque a vederlo questo Burton, approfittando del mercoledì scontato al cinema.
    Ieri ho visto Scorsese : molto meglio di The departed.

  4. utente anonimo 10 marzo 2010 alle 6:52

    Shutter Island vai pure a vederlo tranquillo. Scorsese alla fine si porta a casa un film che non era facile azzeccare (perche' quando giochi a fare Hitchcock e non sei Hitchcock te la giochi sempre sul filo).
    Di Alice, invece, che ti devo dire? Big big disappointment attenuato solo dai costumi, dalle scene e da una bravissima Helena BC.
    Troppo poco per salvare il film

    palbi

  5. NoodlesD 10 marzo 2010 alle 14:17

    souffle, vero? cavolo mi sembra sempre più un'idea sensata lo stregatto partenopeo.

    iosif, scusa 😀

    ipitagorici, andiamo bene!

    palbi, spero proprio di avere la tua stessa opinione su Shutter Island. Mi manca molto lo Scorsese potente e riuscito-

  6. latendarossa 11 marzo 2010 alle 15:43

    Ah ecco, una quasi delusione, dunque.
    E di Mia Wasikowska che mi dici? Rende bene il personaggio di Alice? Te lo chiedo perché nel post non la citi…
    Tienici aggiornati circa l'esperimento in atto di creazione dello stregatto!!!

  7. WilliamDollace 12 marzo 2010 alle 7:40

    Jackson e Eastwood non sono nemmeno lontanamente paragonabili secondo me a questo burtoniano capitolo senza alcuna anima e no, per Scorsese non temere. sì per me Alice in Wonderland è certo un film da buttare, d'accordo sul 3D da buttare anche quello

  8. Ale55andra 12 marzo 2010 alle 10:37

    Non temere assolutamente per Scorsese!!!

  9. MonsierVerdoux 12 marzo 2010 alle 16:17

    Mamma mia che delsuione questo film…un fanatsy per i più piccoli, sarà anche divertente a tratti e bello da vedere per i colori e gli effetti digitai, però vi ho trovato una pochezza di contenuti disarmante….il senso dell'oera di Carrol è totalmente stravolto: nei romanzi vi era un che di anarchico e anti-convenzionale che nel film di burton si trasforma in una storia super-convenzionale che narra della lotta tra bene e male…peccato perchè amo molto Burton

  10. daddun 14 marzo 2010 alle 21:11

    Questo Burton mi ha deluso … probabilmente c'erano troppo interessi economici e d'immagine (Disney ed il ricordo del cartoon=famigliole al cinema) per permettere a Burton di sfogare la sua immaginazione!
    Ciao, Ale

  11. NoodlesD 15 marzo 2010 alle 23:42

    tenda, la wasikova è anche brava, ma il suo personaggio è un pochetto insignificante a partire dalla sceneggiatura proprio.WD, mi sento un dinosauro, ma continuo a non amare il 3D! :DAle, bene!Verdoux, infatti anche io ci son rimasto male proprio perchè ho grande rispetto e ammirazione x Burton.daddun, be' potrebbe essere e sarebbe anche meglio perchè vorrebbe dire che se torna a fare film x cavoli suoi Burton ritornerà al suo meglio.

  12. Cinemasema 16 marzo 2010 alle 17:46

    Anche chi ha "salvato" il film in fondo non lo ha apprezzato molto, proprio perché da Butrton ci si aspettava di più. E poi a molti non è andatao proprio giù. Peccato. Speravo in qualcosa di formidabile. Andrò comunque a vederlo.A prestoP.S. Finalmente posso tornare (spero) dopo un periodo negativo a leggere gli altri blog e forse a vedere film. Mi spiace per la mia lunga assenza (ormai l'ho detto ai quattro venti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: