Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

La festa della Donna

A questo punto avrei preferito la vittoria di Avatar, per le sue pseudo sperimentazioni nel campo cinematografico (sperimentazioni su cui io continuo ad avere dubbi); ma come dire avrebbe avuto più senso. Il filmone mangia soldi che sbaraglia tutto. La solita solfa ammeregana. Ci sta. Non ci stupiamo. Ma la vittoria di The Hurt Locker è anche peggio. Bel film di guerra, punto. E neanche il migliore della Bigelow, come qualche anno fa con Scorsese. Niente a che vedere con opere come Point Break o Strange Days.
Mi secca che ogni volta l’Oscar non c’entri mai un tubo con le peculiarità artistiche di un film. Ma questo sarebbe niente. Il solito. Mi scoccia di più la sua patina spettacolare. I premi non contano, è solo questione di impostare un tema e seguirlo. E quindi c’è l’anno in cui l’Academy si ricorda che, toh, ci son gli attori neri!!! E allora tutti gli Oscar ai fratelli, e quindi Jamie Foxx, Halle Berry… nello stesso anno dell’Oscar alla carriera a Sidney Poitier.
Quest’anno era ovviamente quello della donna. Anche perché a cavallo della Festa. Eh già l’Academy s’è accorto che le donne non avevano vinto ancora nulla alla regia e quindi perché non ricoprire la Bigelow? Deal.
E fin qui magari ci saremmo ancora, insomma è un mercato, vince il film politicamente/economicamente più quotato (per la futura speculazione – Avatar ormai ha sbancato da solo) ma la cosa che proprio non mi è andata giù è stata l’estremizzazione del concetto, quel votare proprio col prosciutto sugli occhi: quando hanno annunciato il best original screenplay mi è scappata una risata rassegnata. Cioè povero Quentin! Cazzo deve fare per farsi dare un Oscar??? Avevo già accettato di buon grado che non avrebbe vinto regia/film (benché fosse l’unico vero candidato) ma speravo che almeno l’Academy riconoscesse l’evidentissima superiorità di uno script scritto da Dio (in entrambi i sensi della locuzione)! Porca paletta ma come diavolo si fa a premiare una storia di guerra, che per carità senza falsi patriottismi fa il suo lavoro, contro uno script incendiario per qualità, idee, intrecci di storie e personaggi, abilità di dialoghi, alternanza di lingue… Se non ha vinto ora, ovviamente Tarantino vincerà, come la Bigelow, come Scorsese, quando farà un film meno bello. Perciò, Quentin, se vuoi vincere, abbassa il livello!

Annunci

12 risposte a “La festa della Donna

  1. steutd 8 marzo 2010 alle 19:36

    a mio modo di vedere sono tre stronzate (ops, mi è scappato il francese, sono poliglotta come Waltz) enormi come una casa: la scenografia ad Avatar (scenografia de che? il laboratorio in mezzo alla foresta?), il film straniero (se non vince haneke non so in che mondo viviamo) e la sceneggiatura, perchè, benchè non lo giudichi un capolavoro, è pacifico che Bastardi senza gloria è il film meglio scritto dell'anno… i suoi primi dieci minuti sono scritti meglio di tutti gli altri film candidati. The hurt locker ha altre qualità ma non la scrittura.

    per il resto, per me, son contento di come sia andata. personalmente reputo the hurt locker qualcosa di più di un film di guerra, anzi, secondo me non è proprio un film di guerra, non nel senso classico, non come lo è  Platoon, per esempio.
    forse il problema è il sistema di votazione ma questa è veramente un'altra storia. Sono contento per Jeff Bridges, quello sì

  2. TuttoFaMedia 8 marzo 2010 alle 20:05

    *su inglorious siamo d'accordo. a questo punto è chiaro che ce l'hanno con quentin. hai ragione, lo script è perfetto. però, meglio the hurt locker di avatar. tutta la vita 🙂

  3. giovanotta 8 marzo 2010 alle 23:25

    scappato scusa..

    volevo dire, questo era l'anno della donna?..
    devo essermi persa qualcosa
    ciao

  4. utente anonimo 9 marzo 2010 alle 2:04

    Verissimo, comunque guardate che Tarantino un Oscar l'ha già vinto, eh.

    Lorenzo

  5. NoodlesD 9 marzo 2010 alle 3:32

    steudt, è proprio vero quello che dicono, che il film straniero è sempre quello meno prevedibile. Insomma non so com'è questo film premiato ma per superare la secchezza di quell'Haneke (peraltro regista che non amo neanche fino in fondo, ma qua è perfetto)… è meglio per lui che sia buono.

    Tutto, mah sarà… è che dobbiamo sempre accontentarci, mica è giusto ahah

    giovanotta, ovviamente mi riferivo all'academy

    Lorenzo, sì certo quello x la sceneggiatura di Pulp… mi riferivo più che altro all'oscar per regia e miglior film.

  6. iosif 9 marzo 2010 alle 12:57

    concordo su tutto (il mancato oscar a tarantino per quella sceneggiatura, è puro vaneggiamento), con l'eccezione che ho recuperato a volo the hurt locker, e m'è sembrato una discreta cacata. 

  7. ipitagorici 9 marzo 2010 alle 13:35

    Come ho scritto da me devo ancora vedere il film vincitore ma dubito che la sceneggiatura sia migliore di Bastardi senza gloria.
    Il film di Haneke è molto molto bello, di una bellezza da analizzare, riflettere, appropriarsi, però non avendo visto il film argentino non saprei dare un giudizio.
    Fantastico il passaggio sui fratelli neri 🙂 !

  8. utente anonimo 10 marzo 2010 alle 6:59

    va beh ma per IB c'hai una cotta! Che insomma va bene prendersi le cotte per i film ma io dico con serenita' che se ha vinto poco non e' uno scandalo. Poteva vincere qualcosina di + (principalmente  il premio per la sceneggiatura) ma per il resto non c'e' da gridare al complotto.

    palbi

  9. NoodlesD 10 marzo 2010 alle 14:15

    iosif, come dicevo da te, secondo me non è brutto, è un film medio ma che con la pubblicità dell'oscar paradossalmente sembrerà più brutto di quello che è ahah.

    ipitagorici, grazie.

    palbi, no, non si tratt di essere innamorati di tarantino. altri suoi film non li trovo così perfetti (non ho mai digerito del tutto il dittico kill-bill per dire, anche se lo trovo ffascinante). Ma i Basterds son davvero la summa del suo cinema, possono stare a fianco di Pulp fiction e Jackie Brown.

  10. gbanks 11 marzo 2010 alle 0:56

    la sceneggiatura di tarantino è perfetta, forse l'oscar lo meritava davvero.
    tuttavia, credo che l'academy abbia voluto premiare lo sforzo immenso di mark boal, che ha lavorato sul campo in iraq, ha rischiato in prima persona, e ha sicuramente sofferto di più nel parto dello script, rispetto all'evidente aspetto ludico di cui si permea ogni creatura tarantiniana.
    cioè, la perfezione della scrittura conta relativiamente: perfetta per perfetta, era ineccepibile anche quella di a serious man dei coen.
    l'oscar mancato di haneke è stata l'unica soddisfazione della serata (il vero scandalo del film straniero è che non abbia vinto un capolavoro come un prophete di jacques audiard…)
    the hurt locker a mio avviso è un film straordinario: è una fortuna che una grandissima cineasta come la bigelow abbia finalmente trovato una consacrazione (del resto, non credo sia stato un premio simbolico o politico: la bigelow ha vinto anche il premio del sindacato dei registi, mentre mark boal ha vinto quello del sindacato degli sceneggiatori, ha trionfato ai premi dei critici di new york, di chicago e di los angeles, premi di settore solitamente estranei alle logiche che dominano la notte degli oscar).

  11. NoodlesD 12 marzo 2010 alle 3:44

    banks, si okay ma allora che facciamo premiamo l'impegno e le intenzioni o i risultati? e comunque, per dire, avessero vinto i coen non avrei fiatato: mi sarebbe dispiaciuto per Quentin, lo ammetto, adoro quel film, lo considero il pi ù bello dell'anno, ma diamine di certo non avrei potuto dire che lo scritp di A serious man non fosse altrettanto perfetto e geniale!
    (Un prophete non vedo l'ora di papparmelo al cinema!)
    Non saprei che dire sul resto dei premi. Personalmente continuo a pensare che lo script dei Basterds era sopra, di una spanna e che il film stesso della Bigelow non abbia affatto la potenza visionaria di altri film dell'anno o che so di un capolavoro sull'argomento (anche se in realtà film del tutto diverso per intenti e fini) come Redacted, che ovviamente non s'è filato nessuno. Perché quello era veramente un film parecchio scomodo. Oltre che bellissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: