Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Einaudi ri-pubblica La musica del caso!!!

Come da titolo. Da quando qualche anno fa ho scoperto e sono stato folgorato da Auster cercavo questo romanzo pubblicato in Italia da Guanda e da molti anni ormai introvabile. Dovunque ne avevo letto benissimo. Di più. Molti lo definiscono il suo capolavoro. Capite dunque la mia attesa? Poi la trama somiglia molto a quelle avventure di formazione in cui il gusto dei destini e dei rispecchiamenti tra letteratura e realtà tipico di Auster si unisce all’altra sua anima, a quel suo straordinario talento nel riesumare il piacere del racconto e degli eventi, alla maniera di un Dickens postmoderno. E come se non bastasse, Einaudi lo ripubblica in quella collana che adoro – e che senza vergogno confesso proprio di collezionare – che è quella dei SuperET, la cui veste editoriale, il cui formato, i colori scelti mi fanno impazzire. Ho una fila di questi SuperET che cresce su uno scaffale, e l’effetto è piacevolissimo alla vista (oltre che alla mente e al cuore ogni volta che ripenso alle storie vissute attraverso le loro pagine).

Annunci

12 risposte a “Einaudi ri-pubblica La musica del caso!!!

  1. MissVengeance 26 marzo 2009 alle 8:02

    ahhh ecco che ci faceva di nuovo da fazio

  2. latendarossa 26 marzo 2009 alle 11:52

    Nood mi incuriosisce questo romanzo, del resto sono sempre incuriosito da tutto ciò che non conosco, e di Auster non ho letto niente (piace anche a me quella collana).

  3. mafaldablue 26 marzo 2009 alle 15:12

    ha molto incuriosito anche me…bella manovra quella di ieri sera da fazio….
    nood, ho appena visto la 5X10 (non potevo resistere) ed ora sono quasi sotto shock. Voglio proprio vedere come la mettono adesso.

  4. NoodlesD 26 marzo 2009 alle 18:14

    Miss, ahaha forse hai ragione. Ma si trovava cmq in Italia per delle conferenze a Pordenone se non erro.

    tenda, vai tranquillo. Io lo considero uno dei più grandi scrittori viventi.

    maf, io me la sto procurando quella puntata… 😛

  5. testabislacca 26 marzo 2009 alle 23:27

    Anche tu hai un rapporto quasi “fisico” con i libri. A me piace toccarli, accarezzarli, annusarli e stare a guardarli a lungo, prima di iniziare a leggerli. Viene da dire che se perdessi meno tempo nei peliminari ne leggerei molti di più.
    Mi hai incuriosito: sabato farò il mio solito giro da Feltrinelli, prima del cinema. 🙂

  6. NoodlesD 27 marzo 2009 alle 17:08

    Eh sì. I libri mi piacciono nella loro fisicità, come diceva anche Truffaut. E’ un rapporto tattile prima che (e insieme) che intellettuale.
    Appena posso ovviamente andrò a comprarlo anche io. Ovviamente alla feltrinelli.

  7. iosif 28 marzo 2009 alle 13:49

    molto bello la musica del caso. un gran trappolone. mentre lo legevo pensavo che ci si sarebbe potuto fare un gran film. qualche anno dopo hanno fatto il film, capillarmente distribuito a cinque euro nei supermercati; uno dei peggiori film di sempre.

    e pergiove mi sono perso per la seconda volta auster da fazio.

  8. NoodlesD 28 marzo 2009 alle 21:47

    iosif, eheh io me l’ero segnato, come l’altra volta. Auster l’avevo visto giusto in qualche filmatino su youtube. Sembrava irrintracciabile. Gli scrittori sono così… divi!

  9. SLec 29 marzo 2009 alle 9:15

    l’ho letto un po’ di anni fa e ne sono rimasto stregato per giorni e giorni e ancora adesso mi accorgo che mi accompagna.
    è di quei libri nei quali alla fine non sai se i protagonisti li hai mai conosciuti, magari in un’altra vita.
    buona lettura!!!

  10. SLec 29 marzo 2009 alle 9:24

    e se può incuriosire, guardando “Eyes wide shut” di Stanley K. mi è tornato in mente “La musica del caso”, per delle atmosfere…

  11. NoodlesD 29 marzo 2009 alle 15:19

    SLec, grazie di questo commento. ora sono anche più curioso. adoro i libri che non ti lasciano e i personaggi che restano con te anche quando volti l’ultima pagina.

  12. utente anonimo 2 aprile 2009 alle 10:20

    Grandissimo Auster. Inutile dire che anch’io amo la collana dei SuperET… McEwan, McCarthy, DeLillo, Fante, Saramago, ecc.
    Li voglio tutti!
    Broken Flowers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: