Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

È buffo che giorni fa un’amica mi chiedeva consigli in campo sentimentale per aiutarla nelle questioni che si stanno sgarrupando col suo ex tipo, tipo in forse, tipo con cui forse torna, ma anche no… Insomma di quelle questioni che il sottoscritto, dal basso della sua solitudine sentimentale, ci capisce quanto un problema di fisica quantistica. E intanto il Noodles dava anche delle opinioni, anche giuste, a sentire l’amica, il che ci fa pensare che egli è un gran Predicatore ma come ogni gran Predicatore razzola poi malissimo.
Ma poi che è sto razzola? Razzolare…
Sto quasi pensando di aprire un’agenzia dell’ascolto problemi donne con uomini. In questo settore vado forte, mi si chiede, mi si parla per un sacco di tempo (ma per persone come la mia amichetta del cuore questo e altro, che è un vero piacere, anche se dubito che ciò che suggerisco io possa avere qualche fondamento concreto e pratico nel districarsi dal problema).
Però l’idea dell’agenzia… mica sarebbe male. Ci guadagno anche.

Annunci

19 risposte a “

  1. utente anonimo 11 luglio 2007 alle 14:26

    Anche io parlo e predico bene ma poi razzolo malissimo. E, a dire la verità, ne ho pure già fatto un mestiere. Non che faccia gran soldi, però. Quindi se cerchi una socia io ci metto la mia conoscenza tecnica!

    MissBlum

  2. utente anonimo 11 luglio 2007 alle 18:03

    mi prenoto per una seduta, fratè!
    anche se tra me e te non so chi predica meglio e razzola peggio -_-‘

    Sis’

  3. souffle 11 luglio 2007 alle 20:27

    sono pochi gli uomini che sanno ascoltare le donne. è un merito.
    anche se si rischia di finire come “il migliore amico” anche se i desideri sono diversi… ^^

  4. NoodlesD 12 luglio 2007 alle 1:10

    miss blum considerati assunta!

    sorè tu potresti fare sia da cliente sia da operatrice/ascoltatrice allora 😮

    souffle, “anche se si rischia di finire come “il migliore amico” anche se i desideri sono diversi” ecco, questa è la frase malefica che mi perseguita. è proprio così, maledizione!

  5. gaspad 12 luglio 2007 alle 9:13

    Noodles: Pensa che io addirittura ne capisco di più di fisica quantistica veramente, comunque se vuoi un socio per una sede distaccata a roma io ho un curriculum di tutto rispetto..

    Souffle: dannazione!

  6. fufetta85 12 luglio 2007 alle 11:54

    ehehehe…che fai diventi un confessore…agenzia matrimoniale…quegli accoppiamenti alla finiscono sempre per “sgarruparsi” è scritto!

  7. NoodlesD 12 luglio 2007 alle 14:39

    @gaspad, nell’agenzia c’è sempre posto, specie per la dislocazione poi…

    @fufetta, si una specie di consigliere matrimoniale…

  8. danysil 13 luglio 2007 alle 8:48

    ecco, prima ancora di leggere i commenti, stavo x scriverti la stessa cosa di souffle, cioè che spesso poi si cade nel rischio di esser visto sempre e solo come un amico che, in questo caso dell’amica del cuore va benissimo (x esempio i miei due migliori amici, con cui vado anche in vacanza, son due maschi e se, è assodato che solo di amicizia si tratti, secondo me son le migliori), ma in altri, se da una delle due parti il sentimento è differente, beh.. ci si rimane maluccio 😦

  9. souffle 13 luglio 2007 alle 11:40

    chissà magari i tuoi due migliori amici si divertono tra di loro… ^^
    Cosa che non è affatto da escludere.
    Non vorrei citare la bibbia di queste situazioni che è “Harry ti presento Sally”, ma, a meno che uno dei due non sia un ciospo totale (essere di rara bruttezza), un uomo e una donna, un ragazzo e una ragazza finiscono per pasticciare (in vari modi: petting più o meno spinto, pompino, leccatine o rapporto completo: dipende).
    Naturalmente se l’atmosfera lo consente (casa libera, soli al mare, notte passata insieme a vedere film e bere vino e mille altri esempi).
    Che poi non si mettano insieme e quindi siano amici non impedisce il “pasticciamento” a letto (o in altri posti).
    Quando non succede è perchè o lui non è interessato (è il mio caso…) oppure lei non è interessata, oppure lei vede lui come un fratello e ha sviluppato un “amore fraterno” che blocca e inibisce ogni libido.
    Cosa che fa incavolare lui giustamente. ^^
    Ovvio che poi ci sono tante eccezioni e mille altre esperienze, non ultima una certa ritrosia dei 20enni di oggi a lasciarsi andare… 😉

  10. NoodlesD 13 luglio 2007 alle 12:07

    @dany, non sai quante volte ci son rimasto… maluccio. e cmq io ho sempre la mia teoria che l’amicizia uomo/donna sia un po’ “equivoca”, specie quando l’amica è molto bella.

    @souffle, allora io so uno che si incavola temo… LOL
    ma temo anche che quando passano troppi anni poi si finisce per archiviare del tutto la cosa; nel senso che pure da parte di chi vorrebbe/avrebbe voluto nasce una specie di ritrosia, di paura che QUELLO possa rovinare una delle amicizie più belle e solide che hai. E’ un po’ come diceva Woody alla fine del suo film, che Annie è talmente bella e simpatica che è grande anche solo esserle amico ^^

  11. danysil 16 luglio 2007 alle 9:05

    @noodles “quando l’amica è molto bella” ahahaha, allora non è il mio caso oppure, mi riterranno un cesso!! 😛

    @souffle:no, non credo si divertano tra loro. è vero, si è sempre nei limiti dell’ambiguo o si è più a rischio rispetto ad amicizie con gente del proprio sesso. mi è capitato di avere amici con i quali, un paio di volte, magari un po “alterati” qualche sbaciucchiamento è volato ma non ha poi impedito all’amicizia di continuare senza nessun coinvolgimento. Ma in questi due casi, uno ha due mesi più di me.. abbiam le foto ad un anno mano nella mano sul divano di casa dei suoi: siam proprio cresciuti come fratelli, come cugini, non riesco a vederlo in modo diverso, e credo anche lui.
    L’altro uguale, mai nulla! oh.. sarò l’eccezione che conferma la regola! 😛

    cmq credo che appunto simili amicizie possano nascere solo nell’infanzia, quando magari determinate pulsioni, se ci son state, ci son state prima e son passate. a parte questi due che infatti conosco da una vita, credo che ora sia raro incontrare un ragazzo e diventarci amica stretta, è più problematico e spesso, effettivamente, chi fa più fatica, è l’uomo.

  12. NoodlesD 16 luglio 2007 alle 14:35

    vabbè se anche ti trovano gnocca mica te lo fanno capire se sei loro amica, anais eh 😉

    è vero chi fa più fatica è l’uomo, specie se è l’uomo ad essere interessato, come avviene più spesso (quanto meno le donne a volte ragionano in modo diverso, tendono ad allontanarsi pur di non “suffrir”).
    Io e questa amica ci siamo conosciuti all’università, quindi per me la teoria di anais non vale :p E posso dire di aver onosciuto un’altra amica importante anche negli anni del liceo, dunque sempre in zona già sessuale-consapevole. Poi per quanto riguarda l’alchimia e l’elettricità che corre nel rapporto uomo/donna, credo centri fino a un certo punto la gnocchità della persona. Certo aiuta, certo se una/o è proprio un cesso è difficile stabilire attrazioni anche sotterranee, però resta sempre un’impalpabile sensazione che viaggia sottocoperta, più o meno nascosta che non è detto si debba per forza tradurre in fatti o in sensazioni coscienti eh.

  13. danysil 16 luglio 2007 alle 15:35

    vabbè ho capito sto zittà và, mhai smontato tutte le teorie!! ahahaahha!!:P
    ma noodles, ma non stai affermando quasi il contrario di quello che avevi scritto prima te? O_O
    oddio..sarà che è lunedì….

  14. NoodlesD 16 luglio 2007 alle 15:51

    No no, affatto. Sono due cose comunicanti: voglio dire, se un’amica/o lo conosci da piccolo, in età prepuberale eccetera è difficile poi (ma cmq possibile) che scattino attrazioni ulteriori, perchè diventa come fosse un cugino/parente.
    Per quanto riguarda la gnocchità: è ovvio che se una/o è brutto/a difficilmente uno si sente attratto ma resta cmq impercettibilmente una specie di attrazione chimica. Oppure mettiamola così: se uno/a non è attratto da una/o che pure non è un cesso ma neanche un adone di bellezza resta cmq le parole e gli atomi ormonali in circolo mettono un certo non so che in aggiunta.

  15. utente anonimo 16 luglio 2007 alle 17:55

    no non mi riferivo tanto al discorso gnocco/a, ma al fatto che mi sembrava di aver capito che secondo te fosse poco possibile o comunque difficile un rapporto d’amicizia uomo/donna ma allora avevo inteso male il post precedente.
    x quanto riguarda me e i miei amici.. mh.. io sinceramente non sento sta carica di ormonella con loro…al di là di tutto. e credo anche loro. cioè io li ritengo due bei ragazzi, loro ritengono me una bella ragazza ma stop.
    mi è capitato invece di conoscere dei ragazzi, magari averci un breve intrallazzo, poi capire che non era proprio aria di un rapporto serio o comunque di un rapporto di coppia, e siam rimasti solo amici e capita che si si veda e si esca ancora ogni tanto, xò qui si tratta di amicizie così, easy, non dico conoscenti, però gli altri due invece li annovero appunto come fratelli-migliori amici.

    allora già che ci siamo vogliamo aprire anche il capitolo dell’amicizia im/possibile con gli ex?? ahahaha

  16. NoodlesD 16 luglio 2007 alle 19:11

    Assolutamente. Certo che è possibile: il fatto che ci sia quell’alchimia non inficia affatto il rapporto, anzi lo rende anche più piacevole. Non è una cosa prepotente ed evidente, è più una specie di sisma sotterraneo che alimenta anche in meglio il rapporto tra un amico e un’amica. E’ come un pizzico di sale o di pepe che condisce meglio il rapporto (d’amicizia sempre), anche perchè poi nessuno dei due pensa veramente a una storia con l’altro; ripeto è una cosa inconscia, una sorta di spinta biologica ma per nulla compromettente.
    L’amicizia con gli ex per me è sempre impossibile dato che quando rompo con qualcuna lo faccio nel modo più interurbano possibile, e in genere capita sempre per colpa mia -_-“

  17. danysil 16 luglio 2007 alle 23:50

    ahahha, poi mi spiegherai cosa intendi x chiudere una storia in modo interurbano, magari mi torna utile!! ^^

  18. NoodlesD 17 luglio 2007 alle 14:04

    Non credo, dany ^^
    Sostanzialmente è dire sempre la cosa più sbagliata del mondo, che tu neanche pensi ma la dici solo perchp stai litigando e ti vien fuori un’accusa giusto per un moto infantile di controbbattere e ferire -_-“

  19. danysil 17 luglio 2007 alle 17:23

    compris. carino l’aggettivo interurbano.
    ma cmq, son modi di comportarsi molto comuni in fase di “lasciata”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: