Noodles Journal

Solo il mio modo di vedere le cose

Blood diamond – Diamanti di sangue (Blood Diamond, Edward Zwick, 2006)

Il binomio Hollywood / cinema impegnato/di denuncia suona quanto meno contraddittorio e certo non si può dire che l’ultimo film del non eccelso Zwick sia l’ago infallibile che faccia reggere in un equilibrio assoluto e perfetto i due termini antinomici. Tuttavia c’è un ma. Blood diamond non ci va proprio di bocciarlo perché sebbene non fonda perfettamente una (presunta) anima “indie” con i dazi da scontare alla logica del blockbuster (ma sono molto meno di quanto ci si possa aspettare), è molto meno peggio di quanto ci aspettassimo e molto meglio dei precedenti di Zwick, anzi certamente la cosa migliore che gli sia venuta fuori.
Il merito più glorioso del film è quello di aver mostrato un’Africa sconquassata dalle guerre, da una violenza inestinguibile e di aver messo lo spettatore occidentale faccia a faccia con ciò di cui tutti siamo a conoscenza ma che pure fingiamo di non sapere: i baby killer, i bambini soldato. Blood diamond ha nel carniere un pugno di scene di una violenza inaudita dal punto di vista psicologico e culturale; molto meno sul dato gore; ma questo va ascritto tra i meriti a Zwick: insinuare l’orrore anche con dei campi medi e lunghi è segno di un’etica della messinscena. Anche perché basta mostrare un bambino sparare con un kalashnikov su una folla per raccontare al meglio una delle più terrificanti piaghe del continente Nero. Sfido chiunque a restare indifferenti di fronte ai bambini travestiti da uomini che fanno la guerra come e peggio degli uomini e falciano uomini donne e bambini senza batter ciglio.
Ammesso ciò, va anche detto che è inutile pretendere più di tanto da questo film, perché è vero che le sequenze di indottrinamento dei baby killers sono un po’ semplicistiche e che il finale con la morale da scartare neanche fosse un cioccolattino è in pieno stile Hollywood, insieme a un paio di dialoghi melensi. Ed è anche vero che Zwick come regista si conferma sostanzialmente modesto (specie le sequenze d’azione e di fuga sotto i colpi dei mitra nella prima parte, confuse e un po’ incoerenti). Ma va detto pure che il film intrattiene per due ore senza annoiare e che ha uno stuolo d’attori in formissima, con Di Caprio/Honsou coppia perfetta, cinico, autoironico e con un animo ferito il primo, fisico, irruento e sanguigno l’altro. Più la presenza della Connelly, brava come sempre, seppure sacrificata da una sceneggiatura che a volte la mette da parte un po’ bruscamente (ma noi leoniani ceraunavoltainamerichisti non possiamo che apprezzare l’attrice). E c’è un altro aspetto che c’è garbato molto: la storia tra la giornalista integerrima e il giovin truffatore di diamanti è raccontata con originalità e senza facili stereotipi; siamo in un film hollywoodiano e sti due manco un bacio si danno! Questo è da ascrivere negli annali dell’Oscar.

Annunci

10 risposte a “Blood diamond – Diamanti di sangue (Blood Diamond, Edward Zwick, 2006)

  1. EddieValiant 18 febbraio 2007 alle 15:46

    Concordo perfettamente col tuo punto di vista. I baby killers, così come la storia in sé, fa parte di quel tipo di denuncia, che seppur ipocrita, non fa male ascoltare. E quindi al di là dei tanti limiti, alla fine questo è un film più sì che no.

  2. MissBlum 18 febbraio 2007 alle 18:43

    Non so se sono d’accordo. A me invece fa rabbia sapere che per sentir parlare di baby killers si debba andare al cinema attirati da attori fighi e la promessa di un film d’azione. Mi sembra un modo furbo e ipocrita di salvare capra e cavoli. Fare della morale restando all’interno delle regole del sistema, anzi, sfruttando la morale stessa. Ma queste considerazioni prescindono dal film e hanno più a che fare con il modo in cui va il mondo…

  3. NoodlesD 18 febbraio 2007 alle 19:43

    precisamente eddie.

    miss, nella recensione ho cercato volutamente di dimenticare il dato politico-sociologico (ben più e troppo complesso per affrontarlo in poche righe) e concentrarmi più sul film in sé. Ovviamente non sarà un film hollywoodiano a cambiare le cose, ma certo metterle in luce non fa mai male.

  4. deliriocinefilo 18 febbraio 2007 alle 23:20

    il dialogo che ho preferito è quello in cui Di Caprio dice a Jennifer: “voi americani siete subito pronti a tirare fuori le vostre storie dolorose (vedi vietnam)” mi pare di ricordarlo così o qualcosa del genere.

  5. NoodlesD 18 febbraio 2007 alle 23:49

    sì me lo ricordo. Vabbè che gli ammeregani il Nam ce lo infilano ovunque possono. Se in un film si parla di una guerra qualsiasi, loro subito devono parlare della “loro”…

  6. utente anonimo 19 febbraio 2007 alle 14:17

    “…è molto meno peggio di quanto ci aspettassimo…”
    Se mai mi capiterà di scriverne (l’ho visto, per caso, ma sono un po’ a zonzo per l’Italia per cui assente dal blog), sappi che comincerò da questo concetto.

  7. gbanks 19 febbraio 2007 alle 18:24

    mi è garbato molto poco.
    anche la storia dei baby killers l’ho trovata piuttosto falsa ed eccessivamente facile.
    una vera operazione pilatesca.
    (c’è da dire che non mi piace proprio il filone, ho trovato irritante e sopravvalutato anche the costant gardener).

  8. NoodlesD 19 febbraio 2007 alle 20:03

    @uno, allora attendiamo (forse) il suo commento.

    @gbanks, the constant gardner mi manca, ma ne avevo sentito parlare bene…

  9. deliriocinefilo 19 febbraio 2007 alle 23:35

    secondo me meglio blood diamond di the constant gardener, decisamente.

  10. Ale55andra 27 aprile 2007 alle 15:09

    Io l’ho proprio bocciato, nn mi è piaciuto per niente. L’ho anche recensito nel mio blog…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: